Disinfestazioni24
Via Francesco Massi,12 Roma, RM 00152
Phone: 800 864 528
numero verde pronto intervento disinfestazione
disinfestazione preventivo
richiedi preventivo disinfestazione
  1. Nome(*)
    Valore non valido
  2. Telefono(*)
    Valore non valido
  3. CAP(*)
    Valore non valido
  4. Email
    Valore non valido
  5. Richiesta
    Valore non valido
  6. Codice Promo
    Valore non valido
  7. Inviando la richiesta acconsento al trattamento dei dati secondo D.Lgs. 193/2003

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

Disinfestazione Processionaria del Pino

disinfestazione processionaria del pino
 
 

Aspetto della processionaria del pino

processionaria del pinoLa Processionaria del Pino o semplicemente chiamata anche la "Processionaria", è un insetto altamente nocivo che colpisce in particolar modo le pinete del pino nero e del pino silvestre privandole del fogliame e portandole alla essicazione compromettendo il ciclo naturale della fioritara. La larva della processionaria è coperta con una peluria irritante che risulta molto urticante per vari animali che ne vengano a contatto, compreso l'uomo. La larva è di aspetto prolungato che nel periodo iniziale misura circa 1cm e raggiunge 3,5-4cm prima di passare allo stadio successivo. 
 
processionaria adulta
Nello stadio adulto, la larva si trasforma nella cosidetta farfalla triangolare. La lunghezza rimane quella dello stadio larvale e l'apertura alare raggiunge circa 5 cm. Come si vede nella foto della processionaria adulta, varia da un griggiastro al giallo chiaro.
 
 
 
 

Processionaria e i pericoli per la salute causate

La processionaria risulta particolarmente pericolasa sopratutto per i soggetti con allergie patologiche. Difatti le larve sono ricoperte di una peluria urticante che a contatto con la pelle causa un leggero gonfiore con arrossamenti e provaca un forte prurito. L'insetto, per il suo aspetto avvolte attraente, incuriosisce in particolar modo i bambini che avvicinandosi potrebbero subbire le irritazioni appena descritte. Nei soggetti allergici, a causa del contatto con questo insetto, sono state registrati casi con choc anafilattici.
 

Ciclo biologico della Processionaria del Pino e Periodo Disinfestazione della Processionaria del Pino

periodo disinfestazione processionaria
 
Il ciclo biologico della processionaria è composto da quattro stadi:
  • Uovo
  • Larva
  • Crisalide
  • Adulto
nido processionaria del pinoL'insetto ama il clima temperato ed è diffuso nel bacino del Mediterraneo. Le uova vengono deposte nei mesi più caldi dell'anno: fine Luglio, Agosto e Settembre sui aghi dei pini. Ogni deposizione conta dalle 100 a 280 uova.  Il nido si presenta come un involucro di ragnatela bianca che avvolge e protegge la nuova generazione. Da Gennaio ad Aprile l'insetto non è particolarmente attivo e esce a nutrirsi solo se le condizioni climatiche superano i 9-10°C gradi. Nel periodo invernale si ripara all'interno del pino. 
 
Nel periodo Primaverile l'insetto è molto vorace e causa forte defogliazione. Per questo è importante chiamare una ditta di disinfestazione una volta notato il nido principalmente per due motivi: salvaguardare la salute dell'uomo e animali e salvaguardare l'ambiente circostante da questi parassiti.
 
Grazie ai Decreti Ministeriali (ultimo per data 16 febbraio 2008, n. 40) la lotta contro questo insetto è obbligatoria nelle aree ritenute a rischio infestazione.
 
NOTA! 
Non avventurarti nella disinfestazione fai da te! Rivolgiti sempre ai professionisti in quanto sono attrezzati e provvisti di tutti i strumenti di sicurezza.
 
La processionaia può essere combattuta utilizzando diversi metodi:
  • Lotta Meccanicha

processionaria del pino rimozione meccanicaLa lotta meccanica alla processionaria del pino consiste nella rimozione fisica dei nidi. Quindi in primo luogo vengono distrutte le larve con applicazione diretta dell'insetticida sulle larve ed eventualmente viene tagliato quel ramo sul quale si sono nidificate le larve. Il tecnico disinfestatore è altamente protetto con una tuta professionale che lo protegge da un eventuale contatto con le larve, per tanto non intraprendere mai una disinfestazione fai da te! 
 


trappola processionaria film plasticoDa metà Febbraio a metà Marzo, quando le larve scendono a terra dal pino, nella lotta meccanica alla processionaria si utilizza anche il film plastico con il quale si avvolge il fusto dell'albero con l'applicazione della colla entomologica. Solitamente nel giro di 2-3gg, una volta che la trappola viene saturata, deve essere sostituita con una nuova.
 
Si applica altressì una trappola a forma di imbuto, sempre alla base del fusto dell'albero. In tal modo le processionarie si raccolgono in gruppo e rimangono lì per qualche tempo. A quel punto, con le dovuto precauzioni, si raccolgono le larve in un sacchetto di plastica e chiuse.
 
  • Lotta Guidata
 
  • Lotta biologica e biotecnologica

La prima tecnica prevede l'uso di prodotti a base di Bacillus thuringiensis, ssp. kurstaki. Questa tecnica risulta difficile da attuare o molto costosa quando gli esemplari infestati sono di grandi dimensioni. Inoltre, vista la presenza di nidi sericei a protezione delle larve, non è detto che tutte vengano raggiunte dal bacillo.
 
La seconda tecnica prevede, invece, l'uso di trappole sessuali (trappole a feromoni).
Queste trappole rappresentano il miglior metodo di contrasto al lepidottero parassita. L'efficacia è dovuta sia alla cattura di molti maschi, che non riescono più ad uscire dalla trappola, sia al disorientamento degli stessi ad opera degli ormoni sessuali femminili della trappola. Le trappole si posizionano nei mesi di giugno e luglio, periodo di sfarfallamento degli esemplari adulti, e ogni 3-4 settimane va cambiata la pastiglia del principio attivo.
 
Ogni 3-4 giorni va controllata la trappola per vuotare il contenitore dove vengono intrappolati gli animali. Interessante è l'impiego della Formica rufa, uno dei pochi nemici naturali di questo lepidottero.
 
  • Interventi chimici

Uso di larvicidi, come il diflubenzuron.
 
  • Utilizzo delle armi da fuoco

 
È efficace, ma solo nel periodo da dicembre a gennaio, quando le larve si riuniscono nei bozzoli per sopravvivere alle basse temperature grazie all'effetto di gruppo. Non sono i pallini da caccia che le uccidono direttamente, ma sparando il bozzolo si lacera, il freddo penetra e l'abbassamento della temperatura uccide le larve nei mesi successivi.

diritto d'autore

A norma della legge sul diritto d'autore e del codice civile è vietata la riproduzione delle opere digitali integranti questo sito , consistano esse in testi, immagini (ad eccezione di quelle concesse con licenza Common Creative), suoni e qualsiasi altra espressione creativa, con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, telematico, per mezzo di fotocopie, stampe, microfilm, registrazioni su qualsiasi tipo di supporto magnetico o altro, senza autorizzazione scritta degli autori. Si richiama allo scopo la tutela del diritto d’autore e dei diritti connessi alla ideazione e progettazione per la comunicazione visiva, così come previsto dai D.L.29 dicembre 1992 nr.518 e D.L.16 novembre 1994 nr.685.

Disinfestazioni24.it 2014 - Servizi specializzati di disinfestazione civile e industriale - P.Iva 12988281007